Ucraina: raffineria in Russia colpita da due droni. Finlandia: ‘Pronti a combattere’

Giu 22, 2022

  • Condividi l'articolo

    Se venisse attaccata, la Finlandia è pronta a combattere. Lo ha assicurato il capo di Stato maggiore dell’esercito di Helsinki, Timo Kivinen, commentando i rischi di minacce militari dalla Russia. “Abbiamo sistematicamente sviluppato la nostra difesa militare esattamente per questo tipo di guerra che viene combattuta” in Ucraina, “con un uso massiccio di armi di potenza di fuoco, forze blindate e anche forze aeree”, ha spiegato il generale finlandese, citato dal Guardian. “L’Ucraina è stata un boccone difficile da masticare – ha aggiunto – e lo stesso sarebbe la Finlandia”.  Intanto sarebbe stato causato da due droni l’incendio nell’impianto di Novoshakhtinsk, nella regione di Rostov, a pochi chilometri dal confine ucraino: lo riferisce il servizio stampa della raffineria citato da Ria Novosti. Si registrano alcuni danni “causati dai rottami dei droni”, le fiamme “sono state spente”

    Russia, raffineria di petrolio colpita da droni

    La possibile risposta alle restrizioni imposte dalla Lituania al transito delle merci nella regione di Kaliningrad sarà pratica piuttosto che diplomatica: le opzioni sono in fase di studio a livello di agenzie. Tagliare le forniture di elettricità alla Lituania, ancora dipendente per il suo fabbisogno da una rete che la collega alla Russia, è tra le opzioni studiate da Mosca per rispondere al blocco del passaggio di alcuni prodotti verso l’exclave russa di Kaliningrad decisa da Vilnius in applicazione delle sanzioni Ue. Lo ha detto il presidente della commissione Affari internazionali della Duma, Leonid Slutsky. La Germania respinge “fermamente” le minacce di rappresaglia di Mosca contro la Lituania e chiede di ritirare le misure mentre il il cancelliere Olaf Scholz al Bundestag assicura: ‘Difenderemo ogni metro quadrato della Nato. I nostri partner dell’est Europa possono fidarsi della Germania oggi’, ha aggiunto, spiegando che ‘l’Ucraina ha bisogno di un piano Marshall per la ricostruzione’.

    Intanto il presidente cinese Xi Jinping ha messo in guardia contro l'”espansione” dei legami militari, alla vigilia del summit virtuale dei Brics con i leader di Russia, India, Brasile e Sudafrica. Xi, in un intervento a un Forum Business dei Brics, ha detto che “la crisi ucraina è un campanello d’allarme”, sollevando i rischi di una “espansione delle alleanze militari” e di una “ricerca della propria sicurezza a spese di altri Paesi”. Cina, India e Sudafrica si sono astenuti su una risoluzione dell’Onu di condanna dell’invasione russa dell’Ucraina, mentre Pechino e New Delhi hanno forti legami militari ed energetici con Mosca. 

    DAL CAMPO
    L’esercito russo ha ottenuto dei successi nell’est dell’Ucraina. Lo ha reso noto lo stato maggiore di Kiev, secondo quanto riportano i media locali, spiegando che le truppe di invasione hanno conquistato i villaggi di Pidlisne e Myrna Dolyna nel sud-ovest della città di Severodonetsk ed hanno ottenuto “successi parziali” vicino all’insediamento di Hirske nell’oblast di Luhansk. All’inizio della giornata Kiev aveva annunciato la resa del villaggio di Toshkivka, sulla linea del fronte orientale. Un civile è morto ieri, colpito da una bomba a grappolo, durante un attacco russo contro la città di Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina: lo ha reso noto l’amministrazione militare regionale, secondo quanto riporta l’agenzia Ukrinform. La vittima era in compagnia di un altro uomo che è rimasto ferito nell’esplosione. I due si trovavano nel giardino di una casa. Ieri le truppe russe hanno inoltre colpito col fuoco di artiglieria il villaggio di Shyroke, nel distretto di Bashtanka, e il villaggio di Inhulka ferendo due civili. Un altro civile è rimasto ferito durante un attacco a Ochakiv e un quinto ha riportato ferite in un attacco a Pervomaiske e Novomykolaivka. Un sesto civile è rimasto ferito a Chervone. Oltre 1.300 tra soldati e mercenari ucraini sono circondati in queste ore a sud di Lysychansk, nell’Ucraina orientale: lo rende noto il ministero degli Interni dell’autoproclamata Repubblica di Lugask, secondo quanto riporta la Tass.

    Ucraina, distruzione a Lysychansk dopo i bombardamenti

    BIDEN: ‘SOSPENSIONE TASSA SULLA BENZINA PER 3 MESI’
    Il presidente Usa Joe Biden ha chiesto chiedere al Congresso di sospendere la tassa federale sulla benzina per tre mesi per aiutare gli americani a fronteggiare l’aumento del prezzo. Lo riferisce la Casa Bianca in una nota. “Il prezzo del gas è aumentato drammaticamente in tutto il mondo e di quasi 2 dollari al gallone (3,7 litri) in America da quando Putin ha iniziato ad ammassare truppe al confine con l’Ucraina”, si legge nel comunicato nel quale si annuncia anche che Biden hs chiesto anche ai governatori di sospendere le tasse locali sulla benzina.

    La Russia potrebbe fornire circa 25 milioni di tonnellate di grano e almeno 22 milioni di tonnellate di fertilizzanti al mercato globale entro la fine dell’anno: lo ha reso noto il ministero degli Esteri russo, secondo quanto riporta Interfax.  Intanto una nave mercantile turca è in partenza dal porto di Mariupol in seguito ai colloqui sul grano con Mosca. Lo rendono noto le autorità di Ankara.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Usa: strage di migranti in Texas, 46 morti su un camion

    Usa: strage di migranti in Texas, 46 morti su un camion

    (ANSA) - NEW YORK, 27 GIU - Quarantasei persone sono state trovate morte e 16 ferite all'interno di un camion a San Antonio, in Texas. Le vittime, riporta il New York Times, erano migranti che avevano attraversato illegalmente il confine fra Messico e Stati...

    Trovato morto con la gola tagliata ex sindaco del Lodigiano

    Trovato morto con la gola tagliata ex sindaco del Lodigiano

    (ANSA) - CORTE PALASIO (LODI), 27 GIU - È stato trovato morto ieri sera nel giardino di casa sua a Corte Palasio con due fendenti alla gola Pierangelo Repanati, 57enne giornalista ed ex sindaco del comune del Lodigiano.    I vicini di casa hanno sentito...