• ‘Un caffè in due’, perché l’amore è nei gesti quotidiani

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – MILANO, 17 NOV – NICOLA VACCA, “UN CAFFÈ IN DUE E
    ALTRE POESIE D’AMORE” (A&B EDITRICE, PP 70, EURO 10) La poesia che cerca l’amore e lo trova nelle parole e nei
    gesti quotidiani: “Un caffè in due e altre poesie d’amore” (A&B
    Editrice) è la nuova silloge di Nicola Vacca, poeta e critico
    letterario, in uscita il 18 novembre.
        L’amore a cui guarda il poeta, di origine pugliese e di
    adozione campana, è un’entità fisica, un toccare con mano la
    realtà attraverso la corrispondenza del gesto. Perché l’amore
    prima di tutto è un gesto, un modo concreto di appartenersi, “e
    si nutre di quel quotidiano che viviamo con tutte le nostre
    fragili imperfezioni”.
        “È fatto di gesti semplici, quotidiani. L’amore che Nicola
    Vacca dipinge in questa opera poetica – scrive Martino Ciano
    nella prefazione – è quello che si percepisce nell’intimità tra
    i due amanti. Un’intimità che separa dal Mondo nel momento in
    cui si va alla ricerca della propria dimensione, ma che si fa
    comunione-nel-Mondo quando ogni conflitto estetico si è risolto.
        L’amore è quella grande opportunità che si incontra nella
    povertà della solitudine e dell’egocentrismo, tant’è – conclude
    Ciano – che i componimenti di Nicola Vacca contengono sempre un ‘noi’ che vuol dire combattere insieme, sopravvivere insieme,
    essere nel Mondo”.
        Il libro è diviso in quattro parti: ‘Lievito madre’, ‘L’amore
    con i piedi per terra’, ‘Queste nostre parole più belle’ e ‘Fuori dall’oblio ritorneranno i baci’. E proprio ai baci è
    dedicata l’ultima poesia della raccolta, un inno alla speranza e
    all’amore. Perché è vero, anche dopo un periodo in cui è vietato
    baciarsi e proibito abbracciarsi, alla fine i baci ritornano.
        Anzi, sono già tornati. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte