• Un libro per giorno memoria: Kershaw, Gli amici di Hitler

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 17 GEN – IAN KERSHAW, GLI AMICI DI HITLER.
        LORD LONDONDERRY, LA GRAN BRETAGNA E LA VIA DELLA GUERRA
    (Bompiani, pp.520, 15 euro; traduzione Alessio Catania). E’ un
    interessante approfondimento ma soprattutto un monito a non
    ripetere gli errori del passato il saggio di Ian Kershaw “Gli
    amici di Hitler” che dal 25 gennaio, per il Giorno della
    Memoria, torna in libreria con Bompiani. Tra i massimi esperti
    di Hitler e del nazismo, l’autore racconta la storia di Charles
    S.H. Vane-Tempese-Stewart, settimo marchese di Londonderry,
    rampollo di una delle famiglie più nobili d’Inghilterra, cugino
    di Churchill e amico intimo del re. Lord Londonderry non nascose
    mai la sua ammirazione per Hitler e divenne il capro espiatorio
    di una colpa in realtà assai diffusa in vari settori
    dell’establishment britannico e tra gli aristocratici. Furono in
    molti infatti a essere affascinati dalla figura del dittatore
    tedesco: ciò determinò quella mancata opposizione all’Anschluss
    e alle leggi razziali che fu una delle cause dell’immane
    catastrofe della Seconda guerra mondiale. Il volume, analizzando
    fatti e tragici errori, dal passato ci riporta drammaticamente
    al presente e fa riflettere sul rischio anche per i paesi
    democratici di stringere rapporti politici (e personali) con
    regimi autoritari. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte