Una corporazione refrattaria all’autocritica

Giu 13, 2022

  • Condividi l'articolo

    No al cambiamento. No alle riforme. Cinque no sulla scheda. L’Associazione nazionale magistrati si è schierata contro le proposte dei Radicali e della Lega, ma almeno, pur nel torpore di un dibattito anestetizzato, ha preso posizione. Insomma, nel silenzio generale la magistratura associata è entrata nella querelle, snobbata da molti soggetti istituzionali.

    Cinque no, dunque. Con bocciature a raffica spiegate dal presidente dell’Anm Giuseppe Santalucia: «Pensiamo alle pagelle per le toghe. Noi non siamo contrari alle valutazioni, siamo uno dei corpi professionali più valutati. Ma la valutazione deve rispettare la professionalità, non sollecitare sentimenti di competizione».

    E ancora, sulla separazione delle funzioni: «Non si può cancellare il passaggio nel corso dell’attività lavorativa dalla funzione di giudice a quella di pm, perché questo arricchisce il bagaglio di esperienze».

    Una vecchia storia che si ripropone ogni volta che si tenta di mettere mano alla materia: il pm deve rimanere, per l’Anm, nella cultura della giurisdizione perché altrimenti rischierebbe di trasformarsi in un superpoliziotto. Obiezione di stampo paternalistico: il pm oggi in Italia ha un grande potere che dovrebbe essere bilanciato da altrettanta responsabilità, ma così non è.

    La svolta però non è arrivata e l’Anm si è messa di traverso. Anche se gli scandali, le guerre di potere, le dimissioni a raffica da un Csm in crisi di legittimazione avrebbero meritato ben altre autocritiche e proposte. Così non è stato.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Folgorato da palo pubblica illuminazione, 13enne in ospedale

    Folgorato da palo pubblica illuminazione, 13enne in ospedale

    (ANSA) - MONTENERO DI BISACCIA, 29 GIU - E' stato trasferito dall'ospedale di Termoli a quello di Foggia un tredicenne rimasto folgorato ieri sera durante una festa di quartiere a Montenero di Bisaccia (Campobasso), in contrada Torricella. Il ragazzino, secondo una...

    Rimini. Riminese contagiato da vaiolo scimmie non è più contagioso

    Rimini. Riminese contagiato da vaiolo scimmie non è più contagioso

    Sta bene il ragazzo riminese colpito dal vaiolo delle scimmie, il primo caso in provincia. E finora nessuna delle persone che aveva avuto stretti contatti con lui è risultata contagiata. Il decorso è stato tutto sommato rapido e non ha mai destato preoccupazione nei...