Unesco: a Bologna ‘operazione’ portici e facciate puliti

Giu 15, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 15 GIU – Sempre più facciate degli edifici
    di Bologna riqualificate e sempre più portici liberi dai
    graffiti. E’ l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato oggi
    dal sindaco Matteo Lepore e dal presidente di Confabitare
    Bologna, Alberto Zanni, per la collaborazione tra Comune e
    proprietari immobiliari nella riqualificazione e pulizia degli
    edifici di proprietà privata e degli edifici porticati di
    proprietà privata ma ad uso pubblico.
        Il progetto rientra nel piano di gestione dei portici
    patrimonio Unesco, che deve essere attuato entro il 2025, e del
    piano sperimentale integrato di contrasto al vandalismo grafico,
    approvato dalla giunta comunale il 12 aprile scorso, che ha già
    portato a un protocollo simile con Asppi. L’accordo con
    Confabitare ha una durata di 5 anni e vuole incentivare gli
    interventi dei proprietari per le riqualificazioni, il
    rifacimento e la manutenzione di pavimentazioni, pareti,
    pilastri, soffitti e colonne dei portici e delle facciate
    esterne degli edifici, oltre alla rimozione di eventuali
    graffiti. Confabitare si impegna a promuovere le iniziative di
    riqualificazione tra i propri associati, coordinare, dare
    supporto nella selezione delle ditte più qualificate per i
    lavori, fare un periodico resoconto degli interventi, far
    applicare sulle superfici ripulite, previo parere della
    Sovrintendenza se sono beni tutelati, uno strato protettivo più
    spesso con vernici che consentano le successive rimozioni con
    detergenti. Il Comune, per favorire i proprietari immobiliari,
    concede gratis il suolo pubblico ai cantieri e prevede
    l’esenzione dal pagamento del canone per la pubblicità nei
    cantieri stessi; inoltre quando i lavori interessano i portici,
    è previsto l’utilizzo del logo “I Portici di Bologna”.
        “L’auspicio è che questo accordo possa rappresentare una
    buona pratica da replicare con altri soggetti – commenta
    l’assessore ai Lavori pubblici Simone Borsari – in modo che si
    diffonda un’attività di cura e manutenzione capillare e
    sostanziale, per mantenere la bellezza e la vivibilità dei
    portici patrimonio dell’umanità e di tutte le facciate della
    nostra città”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Uccisa suora italiana ad Haiti

    Uccisa suora italiana ad Haiti

    (ANSA) - ROMA, 26 GIU - Luisa Dell'Orto, suora lecchese di 65 anni, è stata uccisa ad Haiti, probabilmente a scopo di rapina, nella capitale Port au Prince dove operava. Suor Luisa era nell'isola da 20 anni. Ne dà notizia l'arcidiocesi di Milano.Secondo quanto...

    Pugilato: Signani perde il titolo europeo dei Medi, ma farà ricorso

    Pugilato: Signani perde il titolo europeo dei Medi, ma farà ricorso

    E' finita male, almeno per ora, l'avventura in Francia, sul ring del 'Centre Omnisport' di Massy, del campione europeo dei pesi medi Matteo Signani. Il 43enne 'Giaguaro' romagnolo, che nella vita oltre a praticare la boxe fa la guardia costiera, ha perso contro lo...