Usa: monta protesta per fermare esecuzione capitale in Oklahoma

Nov 18, 2021

  • Condividi l'articolo

    Montano tensioni e proteste a Oklahoma City per convincere il governatore repubblicano Kevin Sitt a commutare la condanna a morte, prevista nelle prossime ore, del 41/enne afroamericano Julius Jones, che nei 20 anni trascorsi in carcere si è sempre professato innocente riguardo all’uccisione nel 1999 dell’imprenditore Paul Howell. Il suo caso ha ricevuto un’attenzione internazionale anche per un processo ritenuto controverso, con una difesa inefficace e inesperta, pregiudizi razzisti tra i giurati e una presunta negligenza da parte dell’accusa.
        Oggi gli studenti delle scuole superiori della città sono usciti dalle classi e nel parlamento statale si sono tenute veglie di preghiera, mentre la residenza del governatore è stata protetta con barricate. Oltre 6 milioni di persone hanno firmato una petizione a favore di Jones, mentre il board per la libertà condizionale ha raccomandato la clemenza per il detenuto. A suo favore si sono mobilitati vari vip dello spettacolo e dello sport, come la star dei reality tv Kim Kardashian, gli attori Kerry Washington e Mandy Patininkin, il quarterback dei Cleveland Browns Baker Mayfield. Anche l’ambasciatore Ue in Usa, Stavros Lambrinidis, ha chiesto al governatore di risparmiare la vita di Jones. 
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - L'Iran "non farà marcia indietro" sulle sue richieste per riattivare l'accordo sul nucleare del 2015. Lo ha detto in un'intervista esclusiva all'ANSA il capo negoziatore di Teheran, il vice ministro degli Esteri Ali Bagheri Kani, aggiungendo...

    Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ (2)

    Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ (2)

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - Lunedì sono riprese a Vienna le trattative tra Iran, Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia, Cina, e indirettamente gli Usa, per cercare di riattivare l'accordo, dopo oltre cinque mesi di sospensione seguiti all'elezione a presidente in...