Valmarecchia. Saltato l’incontro per l’accordo sulla marecchiese. Santi spiega perché

“MARECCHIESE”
Il ruolo di coordinamento della provincia.
Ho disdetto l’incontro di oggi per la firma dell’accordo con tutti i Sindaci perché non ho sul tavolo tutte le delibere delle giunte comunali. Nessuno se non vuole è obbligato a firmare l’accordo per la nuova mobilità della Valmarecchia, specie se si ritiene che non sia un accordo utile e conveniente per il territorio.
La provincia che coordina gioca il ruolo di facilitatore, non di ostacolo.
Ognuno si assumerà le sue responsabilità se dovesse fallire il tentativo di dare una soluzione ai problemi di viabilità della valmarecchia. A partire da chi insiste per realizzare una nuova superstrada parallela all’attuale marecchiese, cosa che non esiste per il fatto non è ragionevole. Lo hanno capito coloro che cercano l’accordo per un percorso condiviso fra tutte le istituzioni locali, perché lo dice il buon senso e lo dicono le norme ed i dati. Quindi, o si parte tutti insieme per un progetto di mobilità integrato, innovativo ed ecocompatibile o non si parte. I sostenitori della “superstrada e basta” potranno così continuare sereni la loro battaglia.