Vela: Jules Verne Trophy, per Spindrift si avvicina nuova sfida

Nov 23, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 23 NOV – Dona Bertarelli e Yann Guichard,
    cofondatori del team Spindrift, hanno annunciato il passaggio da
    codice rosso a codice giallo nell’ambito del nuovo tentativo di
    record al Jules Verne Trophy. L’analisi dei bollettini meteo
    consente, infatti, la partenza da Trinité-Sur-Mer (Morbihan)
    dopodomani mattina e, sempre per giovedì alle 19, la partenza
    per il giro del mondo, con la linea di partenza posizionata tra
    l’isola di Ouessant e il Cap Lizard.
        Questa finestra meteo dovrebbe consentire al team di
    attraversare l’equatore in quattro giorni e mezzo. Guichard
    spiega: “Questa è la nostra prima opportunità da quando siamo in
    stand-by. La situazione è abbastanza standard nel Nordatlantico
    con l’alta pressione più o meno centrata sulle Azzorre.
        Partiremo con 25 nodi, mure a dritta. Prevediamo di strambare
    vicino alle Azzorre, per poi scendere lungo la costa africana
    verso l’equatore che dovremmo raggiungere in poco meno di cinque
    giorni”.
        Successivamente, l’equipaggio del maxi-trimarano si augura
    che il meteo rimanga clemente per consentire di doppiare il Capo
    di Buona Speranza nei tempi del precedente record. Il rispetto
    di questi tempi è essenziale per sperare di battere il record di
    navigazione intorno al mondo stabilito da Francis Joyon, su Idec
    Sport, nel gennaio 2017, in 40 giorni 23h30’30”. Nell’attesa di
    un eventuale passaggio al codice verde e della conferma della
    partenza, il team è mobilitato per completare la preparazione
    del maxi-trimarano Sails of Change, il più grande da regata
    d’altura del mondo. Dona Bertarelli, Guichard e il team sono
    felicissimi all’idea di questo nuovo tentativo di record, il cui
    obiettivo è anche quello di proseguire nelle attività della
    campagna #30×30 che mira a proteggere il 30% del pianeta entro
    il 2030. Il team ha deciso di raccogliere la sfida al record
    senza utilizzare combustibili fossili. Il motore della barca è
    stato così rimosso e sono stati installati 36 m2 di pannelli
    solari, una turbina eolica e una bici per generare energia.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte