• Vela: RORC Transatlantic Race, Maserati e Soldini primi e record

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 13 GEN – Maserati Multi70 e Giovanni Soldini
    primi al traguardo della RORC Transatlantic Race: è record.
        Con un tempo reale di 5 giorni, 5 ore, 46 minuti e 26 secondi,
    il team italiano porta a termine l’impresa malgrado un’avaria a
    bordo.
        Due tonnellate di acqua in più a bordo, imbarcate in seguito a
    un danno che ha interessato i comparti della deriva, non sono
    bastati a frenare la corsa mozzafiato di Maserati Multi70, che
    ha traversato l’Atlantico a medie superiori ai 22 nodi, con
    picchi di 37, e alle ore 19.45 UTC di venerdì 13 febbraio, ha
    tagliato il traguardo della RORC Transatlantic Race con un tempo
    di 5 giorni, 5 ore, 46 minuti e 26 secondi.
        Il team italiano si è così aggiudicato il risultato nelle
    categorie “All Boats”, “Line Honour Multihull” e “MOCRA” , e ha
    stabilito anche il nuovo record di velocità della prestigiosa
    regata di altura, battendo Snowflake e Team Zoulou, entrambi
    MOD70 con equipaggi di altissimo livello. Infranto con un
    margine di quasi 17 ore il record precedente, stabilito dal
    MOD70 Phaedo3 di Lloyd Thornburg nel 2015 in 5 giorni, 22 ore,
    46 minuti e 03 secondi.
        A rendere possibile il successo del trimarano italiano, hanno
    contribuito scelte tattiche impeccabili, sempre in fase col giro
    di vento. A bordo di Maserati Multi70 con Giovanni Soldini i sei
    velisti e compagni: Guido Broggi (ITA), Oliver Herrera Perez
    (ESP), Francesco Malingri (ITA), Francesco Pedol (ITA), Matteo
    Soldini (ITA) e Lucas Valenza-Troubat (FRA).
        “È stato entusiasmante, una rotta fantastica negli Alisei per
    una regata a cui tutti siamo sempre contenti di partecipare
    perché non esiste al mondo una classe che riunisca barche tanto
    simili e con un livello così alto di professionisti che faccia
    regate oceaniche”, racconta Giovanni Soldini. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte