• Veltroni racconta la Costituzione ai ragazzi di oggi

    Condividi l'articolo

    (di Marzia Apice) (ANSA) – ROMA, 14 NOV – WALTER VELTRONI CON FRANCESCO
    CLEMENTI, LA PIU’ BELLA DEL MONDO. LA COSTITUZIONE RACCONTATA A
    RAGAZZE E RAGAZZI (Feltrinelli, pp. 144, euro 15) C’è Ada, coraggiosa ragazzina che diventa staffetta
    partigiana e sfida i fascisti con la sua forza d’animo e la sua
    bella grafia. C’è Pio, il bambino che camminando, studiando e
    immaginando le cose che ancora non ci sono, accende i cuori di
    chi lo ascolta mentre si oppone ai soprusi della mafia. E poi
    ancora c’è Anna, che con una dolce fermezza fa comprendere alla
    sua migliore amica che ognuno di noi ha la libertà di voler bene
    a chiunque, a prescindere dal sesso, perché non c’è nessuna
    colpa ad amare chi si ama. Sono 12, esattamente quanti i
    Principi fondamentali della nostra Carta costituzionale, i
    bambini protagonisti delle storie ideate da Walter Veltroni per
    il libro “La più bella del mondo” (Feltrinelli, disponibile dal
    15 novembre) che racconta ai più giovani la Costituzione.
        Il libro, scritto con il costituzionalista Francesco Clementi
    e illustrato da Marcella Onzo, è pensato per ragazze e ragazzi
    dagli 11 anni in su: una piccola grande raccolta di storie, che,
    mescolando il passato al presente, sembrano perfette per non
    invecchiare mai. Esattamente come la Costituzione che, nel suo
    75/o compleanno, è ancora oggi una ‘stella polare’ nel suo
    essere attuale e capace di rispondere alle questioni più
    complesse dei nostri tempi. Repubblica, diritti e dignità,
    impegno, autonomia e lingua, libertà, dialogo e futuro, e infine
    accoglienza, pace e tricolore: sono queste le parole che animano
    le storie esemplari di Veltroni e che si legano
    indissolubilmente ai 12 Principi della Costituzione commentati
    in modo approfondito e chiaro da Clementi.
        In quelle parole e in quegli articoli risiede l’impegno dei ‘padri costituenti’ a gettare le basi per ricostruire un Paese
    distrutto dalla furia della guerra e il loro prezioso talento di
    pensare ai contemporanei così come alle generazioni future. Non
    dobbiamo quindi sorprenderci se anche adesso in quella Carta, “la più bella del mondo” appunto, possiamo ritrovare l’orgoglio
    di sentirci popolo e per onorare da esseri umani e cittadini
    consapevoli i valori che ci uniscono e su cui si basa il nostro
    vivere civile, tra diritti e doveri, nel rispetto della libertà,
    della dignità dell’uomo e di ogni diversità. Perché, come spiega
    Veltroni stesso nell’introduzione, è importante far comprendere
    ai ragazzi, e ricordarlo ai grandi, che “la nostra Costituzione
    non è solo un elenco di regole e di doveri, ma è anche, direi in
    primo luogo, un affascinante racconto di un Paese possibile, di
    una vita possibile. Il testo non è una fotografia, ma
    un’immagine in continuo movimento. È un inventario di obiettivi
    sociali e civili che ci riguardano tutti, nessuno escluso. La
    nostra Costituzione è la più alta ‘intenzione’ collettiva
    codificata per legge di cui possiamo tutti disporre”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte