Venezia, il programma della settima giornata

Set 7, 2021

  • Condividi l'articolo

    (di Francesca Pierleoni)

    Il 7 settembre, alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia arriva il terzo dei cinque film italiani in gara: QUI RIDO IO di Mario Martone, ritratto del grande attore e commediografo Eduardo Scarpetta (interpretato da Toni Servillo), figura iconica, tanto amata da alcuni quanto contestata da altri, della scena, padre di Eduardo, Titina e Peppino De Filippo. In gara anche VIDBLYSK (RIFLESSO) di Valentyn Vasyanovych, incentrato su un chirurgo ucraino, Serhiy, che dopo aver passato un periodo da prigioniero dei russi in zona di guerra, prova a dare una volta alla sua vita e alla relazione con la sua famiglia. Fuori concorso c’è il documentario LIFE OF CRIME 1984 – 2020 realizzato dal plurivincitore di Emmy Jon Alpert, che racconta in un arco di 36 anni Rob, Freddie e Deliris in un viaggio tra droga, violenza, amore, coraggio, redenzione ed eroismo. Debuttano fuori concorso anche il western OLD HENRY di Potsy Ponciroli con Tim Blake Nelson Gavin Lewis e Stephen Dorff , su un tranquillo agricoltore (o così sembra) che si ritrova a dover difendere la sua proprietà assediata da ambigui personaggi, e il documentario REPUBLIC OF SILENCE, percorso intimo dell’autrice siriana Diana El Jeiroudi rifugiata in Germania, nel raccontare il suo Paese d’origine, sotto dittatura, dove le immagini vengono censurate e le foto bruciate. Alle Giornate degli Autori Pupi Avati è protagonista in VORREI SPARIRE SENZA MORIRE, documentario di Marta Erika Antonioli e Nicola Baraglia.

       

    Ecco alcuni dei principali appuntamenti di oggi: VIDBLYSK (RIFLESSO) di Valentyn Vasyanovych (Venezia 78) con Roman Lutskyi, Nika Myslytska, Nadia Levchenko, Andriy Rymaruk (Sala Grande alle 16.30). Il chirurgo ucraino Serhiy viene catturato dalle forze militari russe in una zona di guerra dell’Ucraina orientale e, mentre è prigioniero, assiste a spaventose scene di violenza e indifferenza verso la vita umana. Dopo il rilascio tenta di trovare uno scopo nella sua vita. QUI RIDO IO di Mario Martone (Venezia 78) con Toni Servillo, Maria Nazionale, Cristiana Dell’Anna, Antonia Truppo, Eduardo Scarpetta, Roberto De Francesco, Gianfelice Imparato, Iaia Forte (Sala Grande alle 19.15). Agli inizi del Novecento, nella Napoli della Belle Époque, il grande attore comico Eduardo Scarpetta è il re del botteghino. Il teatro è la sua vita e attorno a questo gravita anche tutta la sua singolare famiglia, composta da mogli, compagne, amanti, figli legittimi e illegittimi, tra cui Titina, Eduardo e Peppino De Filippo. REPUBLIC OF SILENCE di Diana El Jeiroudi (Fuori concorso – Sala Giardino alle 13.45). È il viaggio di una regista e della sua compagna, dei suoi amici e delle loro famiglie, a volte come rivoluzionari in patria, a volte come esuli nell’Europa odierna, a volte come attivisti, registi, amanti e persone in ascolto. LIFE OF CRIME 1984 – 2020 di Jon Alpert (Fuori concorso – Sala Grande alle 14). Alpert per oltre 36 anni segue Rob, Freddie e Deliris tra le strade e le prigioni di Newark, la città più grande del New Jersey. Tra droga violenza, amore, coraggio, redenzione ed eroismo si racconta la lotta disperata per sopravvivere. OLD HENRY di Potsy Ponciroli (Fuori concorso) con Tim Blake Nelson, Scott Haze, Gavin Lewis, Stephen Dorff (Sala Grande alle 22). Un agricoltore vedovo e suo figlio accolgono un uomo ferito che porta con sé una borsa piena di denaro. Arrivano degli uomini che sostengono di voler arrestare il ferito e restituire i soldi, ma l’agricoltore non sa di chi fidarsi. VORREI SPARIRE SENZA MORIRE di Marta Erika Antonioli e Nicola Baraglia (Giornate degli Autori – Sala Laguna alle 16). A partire dal piccolo cimitero di San Leo, dove sono sepolte molte delle persone che ha amato, Pupi Avati si racconta. Un po’ di cinema, un po’ di musica, molta vita. 
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Gotti, Napoli in forma straripante

    Gotti, Napoli in forma straripante

    (ANSA) - UDINE, 20 SET - "I due gol del primo tempo, un po' ingenui e balordi, hanno indirizzato la partita fortemente. Non siamo stati capaci di cambiare la direzione all'incontro e il Napoli è in uno stato di forma psicofisica estremamente elevata e straripante: non...

    Insigne “primato ora conta poco, andiamo avanti umili”

    Insigne “primato ora conta poco, andiamo avanti umili”

    (ANSA) - ROMA, 20 SET - "Essere primi per ora non conta nulla. La cosa più importante è che abbiamo fatto una grande prestazione su un campo non facile. Tutti stiamo bene, stiamo lavorando bene con l'allenatore che sta cercando di tirare fuori da ognuno di noi un...