Vicentina compie un secolo, ‘voglio incontrare il sindaco’

Giu 15, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – VENEZIA, 15 GIU – “Sarebbe per me un onore se lei
    potesse essere presente il giorno del mio centesimo compleanno,
    ma mi raccomando non arrivi dopo le 10.15 perché devo uscire con
    i miei figli e alcuni parenti che arrivano dalla Toscana”.
        Questo il desiderio, espresso da Iris Roggi al sindaco di
    Vicenza Francesco Rucco, tramite gli uffici di Ipab di Vicenza.
        Una richiesta che il primo cittadino ha esaudito con grande
    gioia della festeggiata, alla quale questa mattina il primo
    cittadino ha donato un mazzo di fiori.
        La signora Iris, arrivata con il marito dalla Toscana a
    Vicenza alla fine degli anni ’50, è stata insegnante di scuola
    elementare, professione che ha dovuto interrompere perché
    rimasta vedova fin da giovane, con sette figli da accudire, di
    cui sei maschi che crescendo si sono appassionati al baseball.
        Proprio seguendo la loro attività, la madre è entrata a far
    parte del direttivo della locale squadra di baseball che
    all’epoca militava in serie A2, diventandone negli anni ’80 la
    prima presidente donna. Ospite della casa di riposo “Salvi” da
    ormai quasi un lustro, ha intessuto legami e amicizie con gli
    altri residenti. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Ucraina: media, attacco missilistico su Kiev

    Ucraina: media, attacco missilistico su Kiev

    Alcune esplosioni sono state sentite all'alba a Kiev. Lo riferisce il Kiev Independent, che parla di tre deflagrazioni. Secondo quanto riportato sui social le esplosioni sarebbero state più numerose, almeno quattro, e sono state causate da missili da crociera russi:...

    Ora il reddito 5s non ha più padrini

    Ora il reddito 5s non ha più padrini

    Voglia questa corte giudicare se l'imputato è colpevole di non aver svolto il compito che gli è stato assegnato, anzi di aver causato più danni che benefici, fino ad essere ritenuto il principale responsabile dell'immobilismo nel mercato del lavoro. Alla sbarra c'è il...