Villa Verucchio. Scoperta truffa su internet: 26enne incassava soldi per merce che non consegnava

Mag 21, 2021

  • Condividi l'articolo

    Carabinieri di Novafeltria: vende accessori per motociclo su Internet, incassa i soldi ma non consegna la merce, denunciato per truffa.

     

    I Carabinieri della Compagnia di Novafeltria hanno scoperto e denunciato un truffatore on line.

    Si tratta di un 26enne residente nel forlivese. A far scattare le indagini, dei militari della Stazione Carabinieri di Villa Verucchio, una querela presentata da un residente in quel Centro che lamentava il fatto di aver acquistato, su un sito di acquisti on-line, degli accessori per il suo motociclo, esattamente una coppia di carene, senza però riceverli. Nella fattispecie la vittima aveva versato, tramite bonifico, il corrispettivo di 300 euro per acquistare il pezzo di ricambio ma l’inserzionista, ricevuto il compenso è poi sparito. Inutili sono stati i tentativi della vittima di rintracciarlo e nel contempo è stato stato cancellato anche l’annuncio.

    Per questo i Carabinieri, ai quali la vittima ha sporto denuncia, hanno iniziato una specifica attività di indagine e grazie ad una serie di riscontri investigativi, anche di natura bancaria, sono riusciti ad identificare il truffatore, un 26enne forlivese già gravato da specifici precedenti attuati tutti con lo stesso “modus operandi”, ed a denunciarlo per “truffa” all’autorità Giudiziaria di Rimini.

    L’episodio in questione dimostra che è sempre bene fare denuncia perché gli investigatori, incrociando i dati informatici, riescono a rintracciare gli autori di queste sgradevoli truffe online.

    L’Arma di Novafeltria rinnova pertanto l’invito a prestare la massima attenzione agli annunci on-line per la compravendita di beni e servizi e continuerà a svolgere mirate attività investigative finalizzate a tutelare le fasce deboli, soprattutto giovani ed anziani, spesso vittime, mediante artifici e raggiri, di questo di questo subdolo reato.

  • Rimini. Morte del parà Scieri, Antico ha chiesto il rito abbreviato

    Rimini. Morte del parà Scieri, Antico ha chiesto il rito abbreviato

    Ha chiesto di essere giudicato con rito abbreviato, Andrea Antico sottufficiale del 7° Reggimento Vega, unico militare ancora in servizio, nel processo per la morte di Emanuele Scieri, il parà di 26 anni morto nella caserma “Gamerra'”di Pisa il 13 agosto 1999. Antico,...